• Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

    Fagiolina del Trasimeno Bianca (250g)

    Fagiolina del Trasimeno bianca 250g[:]
    Fagiolina del Trasimeno bianca 250g[:]Fagiolina del Trasimeno bianca 250g[:]

    Fagiolina del Trasimeno Bianca (250g)

    0 out of 5

    Prodotto tipico della zona del Trasimeno, rivalorizzato nella cucina moderna, ha caratteristiche ben definite quali: la piccola macchia di colore nero all’ilio del seme, il peso, il colore e il gusto. La semina si svolge in primavera e la raccolta avviene da Agosto a Settembre. La coltura si effettua nel pieno rispetto dell’ambiente poiché non necessita di particolari concimazioni ne di trattamenti antiparassitari e insetticidi. I consigli del cuoco: In virtù delle sue piccole dimensioni è sufficiente sciacquare e farla bollire in abbondante acqua per circa 45 minuti. Ideale è assaporarla al naturale, condita con del buon olio extra vergine d’oliva, del sale, del pepe e magari uno spicchio d’aglio. Si possono preparare gustosissime portate: bruschette, zuppe Fagiolina e tartufo, Ravioli ripieni, Tagliolini con la Fagiolina.

    6,00
  • Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

    Lenticchia di Castelluccio IGP (500g)

    [:it]lenticchia di Castelluccio IGP 500G[:]
    [:it]lenticchia di Castelluccio IGP 500G[:][:it]lenticchia di Castelluccio IGP 500G[:]

    Lenticchia di Castelluccio IGP (500g)

    0 out of 5

    La storia di questo prezioso legume è antichissima. È coltivato da sempre sui piani carsici di Castelluccio, all’interno del Parco Nazionale dei Monti Sibillini, ad un’altezza di circa 1.500 metri.

    La quantità prodotta in media all’anno è limitata. Questo la rende un prodotto di nicchia.

    Grazie alle condizioni climatiche piuttosto rigide in cui nasce, la lenticchia di Castelluccio è l’unico legume che non ha bisogno di essere trattato per la conservazione perché non è attaccata dal tonchio, insetto le cui larve si nutrono dei legumi.

    La lenticchia di Castelluccio possiede delle notevoli qualità nutritive: tutte le sue proteine, vitamine, fibre e sali minerali a rendono ottima per chi necessita di una dieta ricca di ferro, potassio e fosforo, povera di grassi e molto nutritiva. Un’altra caratteristica importante della lenticchia di Castelluccio è la buccia sottile e tenera che consente direttamente la cottura senza ammollo, riducendo notevolmente tempi di preparazione.

    8,00
  • Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

    Polenta (500g)

    [:it]Polenta 500g[:en]P[:]
    [:it]Polenta 500g[:en]P[:][:it]Polenta 500g[:en]P[:]

    Polenta (500g)

    0 out of 5

    Un piatto della domenica saporito e sostanzioso per le fredde giornate invernali
    Ingredienti per 4 persone:
    – 300 g di polenta
    – sale e pepe q.b.
    – trito di 1 gambo di sedano, 1 carota e 1/2 cipolla
    – 500 g di passata di pomodoro
    – 200 g confezione di besciamella
    Trito di carne composto da:
    – 200 g di maiale
    – 100 g di manzo
    – 200 g di cinghiale
    Preparazione:
    In 1 litro d’acqua uniamo un cucchiaio di sale, la polenta e, mescolando, lasciamo cuocere per circa 1 ora. Facciamo raffreddare completamente e tagliamola a fette.
    Soffriggiamo il trito di verdure, uniamo il mix di carne e sfumiamo con 1 bicchiere di vino nero.
    Aggiungiamo la passata e facciamo sobbollire per due ore.
    In una teglia da forno intervalliamo uno strato di polenta con uno di ragù, poi uno di polenta ed uno di besciamella, continuando fino al bordo.
    Una spolverata di parmigiano e inforniamo per 20” a 180°.
    Tempi di preparazione: 20 minuti
    Tempi di cottura: 2 ore
    Difficoltà: media

    4,50
  • Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

    Ribollita Toscana (150g)

    [:it]Ribollita Toscana 150G[:]
    [:it]Ribollita Toscana 150G[:]

    Ribollita Toscana (150g)

    0 out of 5

    Conosciamo tutti la ribollita come piatto di recupero per eccellenza della tradizione culinaria toscana. Le origine di questa pietanza risalgono al medioevo quando i nobili erano soliti consumare le loro pietanze dentro a dei pani detti “mense”. Una volta terminato il pranzo, il pane avanzato veniva dato ai servi, che per sfamarsi lo univano alle loro povere verdure e lo facevano bollire, ottenendo una zuppa sostanziosa e saporita, una vera e propria antenata della ribollita! Ancora oggi questa ricetta fa parte della cucina casalinga, conosciuta e apprezzata in diverse varianti nella stessa regione che esprimono tradizioni familiari o usanze del luogo. In questa ricetta vi raccontiamo i nostri piccoli segreti per gustare al meglio questo comfort food di altri tempi. Attendete i primi freddi e concedetevi il tempo che serve per realizzare la ribollita, un piatto che non conosce fretta ma che vi ripagherà dell’attesa!

    5,00
  • Hai appena aggiunto questo prodotto al carrello:

    Roveja - Pisello Selvatico (500g)

    [:it]Roveja 500g[:en]Ro[:]
    [:it]Roveja 500g[:en]Ro[:][:it]Roveja 500g[:en]Ro[:]

    Roveja – Pisello Selvatico (500g)

    0 out of 5

    ingredienti per 5 persone:
    400 gr di farina di roveja, 2 l di acqua salata, 5 filetti d’acciuga sottolio, 2 spicchi d’aglio, olio di oliva extra vergine.

    preparazione
    Poco prima che l’acqua bolla del tutto, versare poco alla volta la farina di roveja, avendo cura di mescolare bene.
    Far bollire per 40 minuti mescolando spesso.
    Una volta pronta, versare in 5 piatti fondi, versare in una padella antiaderente l’olio di oliva e far soffriggere gli spicchi d’aglio fino a che non saranno dorati. Toglierli e far soffriggere i filetti d’acciuga per 30 minuti circa, Con un cucchiaio poi versare l’olio con le acciughe su ogni piatto (circa 4 cucchiai per ogni piatto). Servire subito

    8,00
Don`t copy text!